La tecnologia per il controllo mentale del Robot Gundam

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La tecnologia per il controllo mentale del Robot Gundam – Un gruppo di ricercatori giapponesi ha creato un dispositivo capace di misurare e trasmettere l’attività celebrale, consentendo così di controllare attraverso la mente un modello giocattolo del Robot Gundam, un famosissimo franchise giapponese d’animazione creato da Yoshiyuki Tomino e Hajime Yatate con protagonisti dei robot da battaglia.

I ricercatori hanno personalizzato il robot giocattolo Zaku Gundam mobile suit di Zeonic Technics, consentendo agli acquirenti di programmare manualmente il proprio robot utilizzando un’app per smartphone.

Per il prototipo a controllo mentale, i ricercatori di NeU, una joint venture tra la Tohoku University e Hitachi, hanno sviluppato una versione del controllo capace di muoversi in risposta all’attività cerebrale dell’utente, grazie a un dispositivo simile a una fascia che si sincronizza con il robot.

Tecnologia per il controllo mentale

La tecnologia per il controllo mentale sviluppata dai ricercatori, si basa sull’utilizzo di un particolare dispositivo costituito da una fascia capace di misurare 3 diversi livelli di attività cerebrale, ognuno dei quali è collegato e corrisponde ad una determinata sequenza di movimento.

Non è dunque presente una totale libertà operativa, ma è assai interessante vedere la semplicità d’uso e l’immediatezza con cui il sistema traduce l’attività mentale in movimenti e azioni fisiche.

I ricercatori hanno programmato il loro dispositivo in modo da far inviare tutti i dati ricavati dall’attività cerebrale all’app Zeonic Technica, che una volta rielaborati, invia dei segnali al dispositivo traducendoli in sequenze di movimenti o gesti del robot.

Nel seguente video la NeU mostra la tecnologia da loro sviluppata

Video realizzato da NeU – La tecnologia per il controllo mentale del Robot Gundam

Il lavoro dei ricercatori si basa su un meccanismo di controllo mentale immaginario della serie anime di Gundam chiamata “Psycommu“, che consente agli umani di controllare i robot usando la loro mente.

Sebbene il sistema di controllo mentale di NeU sia ancora nella fase di prototipo, e quindi in una fase di aperta sperimentazione, questo non è l’unico test finalizzato a portare i Gundam nel mondo reale: sempre in Giappone è stato costruito un robot Gundam a grandezza naturale che viene addestrato a compiere movimenti sempre più fluidi e realistici.

Articoli correlati:

Storia della Robotica

Memoria eterna: 360 TB memorizzati in 5D con durata stimata a 13,8 miliardi di anni

Lifestraw: quando la tecnologia salva le vite

Octinion presenta Rubion: il primo robot al mondo per la raccolta delle fragole

Daisy: il Robt Apple per il riciclo degli Iphone

IBM: Il computer più piccolo al mondo

Intelligenza Artificiale: cos’è e come funziona

Lascia un commento